30 gennaio 2014

Viva le dade del nido, #talktoyourdaughter

La mattina ci accolgono sempre con un sorriso, non solo conoscono il nome di mia figlia – questo è ovvio – ma anche il mio e quello del babbo di Bianca. E dopo il sorriso c'è sempre un "buongiorno, come va? state bene?". Dopo qualche minuto le loro braccia si aprono per prendere in braccio la mia piccola. "Cucciolina, vieni, oh come è in gamba questa ragazza, ecco, dai un bacio alla mamma." E così io saluto ed esco, sicura che Bianca è in buone mani.



Sono le dade del nido Coccinella di Savignano sul Rubicone che tutte le mattine prendono in consegna mia figlia per trascorrere la mattinata con lei e i quindici bambini della sezione part-time. Ed entrare al nido è come entrare in un'oasi di pace e serenità; le parole sono gentili, rassicuranti, ferme quando è necessario. 

Fin dalla prima riunione coi genitori è stato posto l'accento sul confronto, sulla necessità di avere un feedback tra genitori e dade, consapevoli dei diversi ruoli che ognuno ha e della diversità di ogni bimbo. E persino io, che in genere sono piuttosto diffidente, sono stata travolta da questo universo di disponibilità e gentilezza. Ed ecco perché spesso vorrei assomigliare a loro, soprattutto quando sono stanca e i pomeriggi con Bianca sembrano non finire mai, o quando sono a corto di idee e non so più cosa inventarmi. Penso a loro, che hanno una pazienza infinita, che non si stancano di ripetere le cose, che sono in grado di consigliarmi se lo chiedo, senza giudizi o pregiudizi e senza imposizioni. 

Ecco, a me stessa e a Bianca voglio ricordare la bellezza di queste donne, una bellezza autentica che viene dal cuore e non da un adeguamento ai canoni estetici spesso irraggiungibili che i media ci propongono.

Grazie a Milena, Arianna e Sabrina.

Con questo post partecipo all'iniziativa rilanciata da Claudia Porta "Parla a tua figlia… prima che lo facciano le aziende" #talktoyourdaughter.
Be your beautiful self.